17 Agosto 2018      pdlombardia.it      partitodemocratico.it     Newsletter: iscriviti / cancellati  
 
 
Articoli
Ambiente · pubblicato il 21 Ottobre 2010

Nucleare in Lombardia? Ma anche no!

Il PD, sia a livello locale, che a livello nazionale (http://www.partitodemocratico.it/dettaglio/99678/nucleare_velleitario) si schiera apertamente contro questo piano del governo per un ritorno al nucleare. E non sicuramente per un no pregiudiziale a tale tecnologia. I problemi che rimangono sul tavolo sono ineludibili: il problema dello smaltimento delle scorie, per il quale nessuno al mondo ha trovato per ora soluzione, e il tema della sicurezza. Soprattutto quest`ultimo è trascurato nel piano del governo, poiché si trascura il fatto che la tecnologia, quella di terza generazione, con cui verranno costruiti gli impianti è comprata dai francesi ma in Italia non c`è nessuna azienda che abbia esperienza in fatto di costruzione di centrali nucleari. La stessa Enel ha mandato in pensione l`ultima generazione di ingegneri che si occupò di nucleare di recente.
Pertanto il Pd chiede al governo di ripensarci e di destinare agli investimenti sull`energia verde e sostenibile, le quali potrebbero generare anche un indotto interessante a livello di green economy e di posti di lavoro.
Di nucleare se ne potrà discutere quando verrà pronta la quarta generazione, sicuramente sicura e che non presenta problema di scorie.
Dichiara infine il responsabile energia e innovazione del Pd bergamasco, Andrea Tiraboschi "Non vorremmo che con questo ritorno di fiamma del nucleare si rivoglia anche riaprire il dibattito su i giacimenti di uranio presenti sul nostro territorio. Mi riferisco in particolare alla cava di Novazza, per la quale ci fu un interessamento già nel 2007 di un`azienda australiana. Noi siamo convinti che lo sviluppo di quel territorio sia altro e l`uranio, anche per l`entità del giacimento, deve rimanere dove è."
"Ci opporremo a un`eventuale centrale nucleare in Lombardia e cominciamo fin da oggi a costruire un`alternativa aderendo tra le altre a due iniziative: le 100 piazze di legambiente per un`energia sostenibile e rinnovabile che si terranno il 6-7 novembre -http://www.legambiente.it/dettaglio.php?tipologia_id=2&contenuti_id=1623- e alla catena dei blog per le detrazioni fiscali per il risparmio energetico- http://www.cinquantacinquepercento.it/."


Il ministro Romani apre alla possibilità di installare una centrale nucleare in Lombardia, presubilmente vicino al fiume Po o in cima al lago di Como.
Roberto Formigoni, Presidente della Regione Lombardia, llo segue a ruota dicendo di essere disponibile a parlarne, mettendo come paletto la sola predisposizione delle regole e dei criteri per l`individuazione dei siti nucleari.
Tuttavia in campagna elettorale il presidente ecologista disse che "Il nucleare in Lombardia? no mai". A quanto pare il tempo passa  e le idee cambiano.
 "Il Pd bergamasco pone due quesiti al governatore che esigono riposta su tale materia delicata" evidenzia Andrea Tiraboschi, responsabile Energie per il PD Bergamo. "Se la Regione Lombardia, come affermato dallo stesso Presidente è ormai autosufficiente, perchè dovrebbe assumersi l`onere di ospitare una centrale nucleare? In secondo luogo, quali sono le politiche energetiche che la regione Lombardia sta mettendo in atto per ridurre la dipendenza dal petrolio, vero tema centrale e per il quale il nucleare può far ben poco?". Leggi tutto>>

 

 

Leggi gli articoli
per categoria

Proposte programmatiche

Agricoltura

Ambiente

Cultura

Diritti

Donne

Economia

Enti locali

Europa e mondo

Famiglia e politiche sociali

Formazione politica

Giustizia

Immigrazione

Informazione

Infrastrutture e trasporti

Lavoro

Riforme e PA

Salute

Scuola

Sicurezza

Terzo Settore

Universita' e ricerca

Posizioni PD

via S. Lazzaro 41, Bergamo | tel. 035.248180 | segreteria@pdbergamo.it  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  credit