19 Settembre 2018      pdlombardia.it      partitodemocratico.it     Newsletter: iscriviti / cancellati  
 
 
Articoli
Enti locali · Bergamo · pubblicato il 06 Giugno 2012

Provincia: il bilancio consuntivo

Questa costante negativa è data, per buona parte, da una previsione che abbiamo giudicato sovrastimata riferita alle opere pubbliche, ma anche per alcune postazioni di bilancio in entrata che, nel 2010 come nel 2011, non si sono verificate; faccio riferimento in particolare alle previsioni di alienazioni delle quote azionarie dell`autostrada Serenissima e ad altre alienazioni di minore valore economico, tuttavia importanti considerato il momento di difficoltà per le finanze della Provincia: i conti sono presto fatti, da una previsione di entrata per alienazioni di 45.412.000 il consuntivo accerta 1.011.000 euro, la percentuale fatela voi!
La conseguenza diretta è rilevabile nella contrazione delle opere pubbliche finanziate in conto capitale (segnatamente opere di viabilità e di edilizia scolastica) che, anche nel 2011 ammontano a soli 41,616 milioni rispetto ad una previsione ben maggiore dei quali però 40 milioni frutto di trasferimenti da RFI e leggi regionali.
Ulteriore conseguenza è stata l`eliminazione di un lungo elenco di opere pubbliche (per la precisione 18) che erano finanziate con alienazioni; mentre la tangenziale sud Treviolo-Paladina-Valbrembo, pari a 44 milioni di euro finanziata da ANAS, è stata eliminata nell`elenco del 2011 e spostata al 2012.
Pag. 2
 
Sono dati oggettivi che segnalano una difficoltà non solo nella fattibilità e della capacità di spesa (in base alla quale si misura la capacità di amministrare), ma soprattutto perché genera, nei territori e nelle comunità, aspettative nuovamente ed ampiamente disattese.
Perfino le semplici previsioni riferite alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade (riasfaltature e pavimentazioni, segnaletica orizzontale e verticale, manutenzione straordinaria degli impianti di illuminazione, interventi di riduzione dell`inquinamento acustico) hanno segnato il passo a tal punto che a pagina 100 della relazione del programma viabilità (sotto il titolo iniziative ad attività) si accenna genericamente in 10 righe (trascrivo):

  • agli interventi di rilevanza provinciale realizzati da Anas;
  • agli interventi di riqualificazione della rete provinciale;
  • alla manutenzione della rete stradale;
  • alla gestione tecnico amministrativa della rete stradale derivante dai decreti legislativi;
  • all`espletamento delle funzioni tecnico amministrative assegnate dalla normativa vigente.
Un modo elegante e un po` fumoso per dire che, s`è investito poco o nulla nella manutenzione viaria; da una nostra stima e da alcune risposte avute durante le riunioni riteniamo che, nel 2011, sono stati interessati meno di 50 kilometri degli oltre 1.350 kilometri di strade provinciali.
Sono noti a tutti, infatti, i recenti problemi di agibilità delle strade che hanno imposto il cambiamento di alcuni percorsi delle gare ciclistiche e la riduzione dei limiti di velocità su importanti assi stradali per rientrare nei livelli minimi di garanzia per le persone e i mezzi.
Passando ad una valutazione più generale dello scostamento tra le entrate e le spese segnalo che vi sono stati scostamenti, anche rilevanti;
 
 
Pag. 3
 
nelle entrate:
  • al titolo primo, secondo e terzo, segnatamente nelle entrate extratributarie (+ 25%);
  • al titolo quarto, entrate da trasferimenti (- 65%) da 131.940.000 a 45.473.000;
  • al titolo sesto, servizi per conto terzi (- 30%);
parimenti nelle spese, in particolare al titolo secondo, spese in conto capitale con un meno 58%.
Di segno negativo sono anche i trasferimenti di regione Lombardia la quale, oltre a non finanziare completamente i servizi trasferiti (vedasi il trasporto pubblico), nel 2011 ha privato la Provincia di Bergamo di 5 milioni di euro, di questi cinque milioni sono da segnalare, non tanto per gli importi quanto per le finalità:
  • 16.000 euro per funzioni nel campo dello sviluppo economico;
  • 10.000 euro in materia di protezione civile;
  • 5.000 per le politiche montane e attività giovanili;
  • 100.000 per l`agricoltura;
  • 3.740.000 euro del contributo regionale per il piano provinciale finalizzato alla formazione esterna degli apprendisti.
 
In conclusione, pur apprezzando il lavoro svolto da alcuni Assessorati e dai loro collaboratori, e pur considerando i notevoli vincoli di bilancio decisi dai governi passati e recenti, rileviamo che anche nel 2011 non si è andati oltre l`ordinaria amministrazione, ma soprattutto è mancato quel “colpo d`ala” capace di far decollare l`azione dell`Amministrazione provinciale in un momento nel quale viene richiesto un surplus d`iniziativa e di idee per sopperire alla scarse possibilità economico-finanziarie dell`Ente.


Per il secondo anno consecutivo il bilancio consuntivo si chiude con un significativo scostamento rispetto al bilancio di previsione, in particolare:
  • il consuntivo 2010, a fronte di un preventivo di 358 milioni di euro, si è chiuso a 184 milioni con uno scostamento del 48%;
  • il consuntivo 2011, a fonte di un preventivo di 291 milioni di euro si chiude con 198 milioni con uno scostamento di 93 milioni pari al 32%.

 

 

Leggi gli articoli
per categoria

Proposte programmatiche

Agricoltura

Ambiente

Cultura

Diritti

Donne

Economia

Enti locali

Europa e mondo

Famiglia e politiche sociali

Formazione politica

Giustizia

Immigrazione

Informazione

Infrastrutture e trasporti

Lavoro

Riforme e PA

Salute

Scuola

Sicurezza

Terzo Settore

Universita' e ricerca

Posizioni PD

via S. Lazzaro 41, Bergamo | tel. 035.248180 | segreteria@pdbergamo.it  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  credit