17 Agosto 2018      pdlombardia.it      partitodemocratico.it     Newsletter: iscriviti / cancellati  
 
 
Articoli
Economia · Italia · pubblicato il 19 Giugno 2014

TASI: La camera approva ODG Misiani per rinvio pagamento

Con il parere favorevole espresso in Aula dal viceministro dell`economia Morando la Camera ha approvato oggi l`ordine del giorno sui tempi di pagamento della TASI presentato dal deputato Pd Antonio Misiani. 
L`approvazione dell`ordine del giorno impegna il Governo ad adottare tempestivamente le opportune iniziative, anche legislative, per consentire il rinvio del versamento della prima rata della TASI al 16 ottobre 2014 anche per quei comuni che, sebbene abbiano fissato le aliquote in tempo utile per la scadenza del 16 giugno 2014, ne abbiano stabilito una successiva. 
"E` una buona notizia per Bergamo" - dichiara Misiani. "La delibera di rinvio al 16 ottobre approvata dalla giunta Tentorio era un`iniziativa unilaterale assai fragile dal punto di vista giuridico. Con l`ordine del giorno approvato oggi il Governo si è esplicitamente impegnato a garantire ai comuni che, come Bergamo, hanno fissato le aliquote TASI in tempo utile la possibilità di spostare in avanti il termine di pagamento. In questo modo il quadro della tempistica degli adempimenti è diventato finalmente certo sia per il comune che per i contribuenti bergamaschi, che vedono confermata la possibilità di pagare la prima rata TASI entro il 16 ottobre". 
Allegato: testo ordine del giorno
La Camera,
 
premesso che:
 
il provvedimento in corso di conversione, all’articolo 4, comma 12-quater, inserito dal Senato in prima lettura, ridefinisce le scadenze per il versamento della prima rata della TASI con  un regime derogatorio per l’anno 2014, novellando il comma 688 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 47, già integralmente sostituito dall’articolo 1, comma 1, lettera b), del decreto-legge 6 marzo 201, n. 16, convertito con modificazioni, dalla legge 2 maggio 2014, n. 68;
 
il regime derogatorio introdotto dal citato articolo 4, comma 12-quater, in particolare, stabilisce che il versamento della prima rata della TASI,  per il solo anno 2014, debba essere effettuato: entro il 16 giugno 2014 per quei comuni che abbiano assunto le delibere di approvazione delle aliquote e delle detrazioni che i comuni entro il 23 maggio 2014, entro il 16 ottobre 2014 per i comuni che non abbiano assunto tali deliberazioni entro il 23 maggio 2014, ma comunque entro il 10 settembre 2014, infine, entro il 16 dicembre 2014, in un’unica soluzione, per i comuni ulteriormente ritardatari;
 
si prevede altresì, per i soli comuni che non abbiano adottato le deliberazioni entro il 23 maggio 2014, l’erogazione, entro il 20 giugno 2014, di un contributo a valere sul Fondo di solidarietà comunale, corrispondente al 50% del gettito annuo TASI, stimato ad aliquota base;
 
alcuni comuni, pur avendo fissato le aliquote in tempo utile per il versamento della prima rata della TASI entro il 16 giugno 2014, hanno stabilito autonomamente una scadenza successiva a tale data, facoltà invero prevista dal comma 688 dell’articolo 1, comma 688, della legge 27 dicembre 2013, n. 47, nel testo vigente fino al 5 maggio 2014;
 
in attesa dell’entrata in vigore del presente provvedimento, il Governo ha varato un  “decreto ponte”, (decreto-legge 9 giugno 2014, n. 88, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 10 giugno 2014, n.132), che ricalca testualmente il contenuto dell’emendamento approvato al Senato, in modo da rendere operativo il rinvio prima della scadenza del 16 giugno, in attesa della conversione del presente provvedimento;
 
l’eventuale annullamento delle delibere dei comuni che hanno già fissato una scadenza successiva al 16 giugno 2014 comporterebbe difficoltà finanziarie per i comuni e disagi per i contribuenti;
 
impegna il Governo
 
ad adottare tempestivamente le opportune iniziative, anche legislative, per consentire il rinvio del versamento della prima rata della TASI al 16 ottobre 2014 anche per quei comuni che, sebbene abbiano fissato le aliquote in tempo utile per la scadenza del 16 giugno 2014, ne abbiano stabilito una successiva, ferma restando l’esclusione dei medesimi comuni dal contributo spettante per ritardata fissazione delle aliquote.
 
​9/2433/105 Misiani

 




On. Antonio Misiani
Deputato PD
V Commissione Bilancio

 

 

Leggi gli articoli
per categoria

Proposte programmatiche

Agricoltura

Ambiente

Cultura

Diritti

Donne

Economia

Enti locali

Europa e mondo

Famiglia e politiche sociali

Formazione politica

Giustizia

Immigrazione

Informazione

Infrastrutture e trasporti

Lavoro

Riforme e PA

Salute

Scuola

Sicurezza

Terzo Settore

Universita' e ricerca

Posizioni PD

via S. Lazzaro 41, Bergamo | tel. 035.248180 | segreteria@pdbergamo.it  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  credit