18 Marzo 2019      pdlombardia.it      partitodemocratico.it     Newsletter: iscriviti  
 
 
Articoli
Proposte programmatiche · Citta` · pubblicato il 15 Marzo 2019

STOP AI CAMBIAMENTI CLIMATICI, IL TEMPO E` SCADUTO!

Nel giorno in cui Bergamo è stata letteralmente invasa dalla marcia per il clima dei giovani, gli esponenti del Partito Democratico hanno fatto il punto sulle azioni intraprese ai vari livelli istituzionali per contrastare i cambiamenti climatici. Ospite nella sede provinciale, l`europarlamentare Mercedes Bresso, tra i membri fondatori di Legambiente, che ha ricordato come sia fondamentale lo sguardo globale in materia ambientale. "La normativa che oggi tutela l`ambiente - spiega - è quasi completamente di derivazione europea. L`obiettivo di ridurre a zero le emissioni di CO2 entro il 2050, arrivando a risparmiare il 70% delle importazioni energetiche nell’Eurozona, possiamo raggiungerlo solo con una accelerata, che ci porti ad una riduzione del 55% entro il 2030".
 
Una prospettiva possibile solo con la messa in atto di azioni comuni, a tutti i livelli istituzionali e territoriali. E cosi`, mentre la Provincia di Bergamo, spiega il consigliere provinciale Marco Redolfi "mette a punto grazie ai finanziamenti europei i progetti di illuminazione pubblica a led e di riqualificazione energetica degli edifici pubblici, di cui 77 scuole", il Comune si appresta a aggiornare il `Patto dei Sindaci per il clima e per l`energia`  per accelerare la de-carbonizzazione dei territori e si prepara, spiega l`assessore all`Ambiente Leyla Ciagà, "a redigere il Piano di adattamento ai cambiamenti climatici. Perché la città deve diventare resiliente, ovvero sviluppare la capacità di adattarsi agli inevitabili impatti del cambiamento climatico".

Non manca la stoccata a Regione Lombardia da parte del consigliere Jacopo Scandella, che ricorda come l`ultima seduta tematica dedicata ai cambiamenti climatici si sia conclusa in un nulla di fatto, "mentre sul tavolo restano i temi dell`efficientamento energetico e della qualità dei trasporti". "Dopo 25 anni di governo, l`assenza di misure strutturali per incentivare il trasporto pubblico locale rende evidente il disinteresse della Regione per un nuovo modello sostenibile, che passi dalla gomma al ferro, con relativi servizi di accessibilità, quali ad esempio il biglietto unico regionale", attacca Raffaello Teani, responsabile PD regionale per lo sviluppo sostenibile, 

Le sfide sul territorio si giocano anche sul rafforzamento del trasporto pubblico e lo sviluppo strategico dei collegamenti, soprattutto in vista della prossima gara di affidamento del TPL provinciale per i prossimi 10 anni , " L`obiettivo - spiega Elio Moschini del tavolo ambiente del PD - è elevare lo standard qualitativo degli autobus, incentivando la sostituzione dei vetusti con nuovi a metano o elettrici e ridurre l`età media dai 10 anni attuali a 7,5". Sul fronte dei tracciati, l`auspicio è che  "La positiva esperienza della linea tranviaria T1 che collega Bergamo ad Albino dal 2009 sia di stimolo affinché anche il progetto della linea T2 Bergamo-Villa d`Almè venga finanziato al più presto" spiega Moschini.
 
"Come Partito democratico - conclude Matilde Tura del tavolo ambiente - dobbiamo guidare la riflessione sull`ambiente. Oggi molti giovani in tutto il mondo ce lo hanno chiesto,  per il futuro del pianeta e per il loro. Non possiamo più aspettare".

 

 

Leggi gli articoli
per categoria

Proposte programmatiche

Agricoltura

Ambiente

Cultura

Diritti

Donne

Economia

Enti locali

Europa e mondo

Famiglia e politiche sociali

Formazione politica

Giustizia

Immigrazione

Informazione

Infrastrutture e trasporti

Lavoro

Riforme e PA

Salute

Scuola

Sicurezza

Terzo Settore

Universita' e ricerca

Posizioni PD

via S. Lazzaro 41, Bergamo | tel. 035.248180 | segreteria@pdbergamo.it  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  credit