10 Dicembre 2018      pdlombardia.it      partitodemocratico.it     Newsletter: iscriviti / cancellati  
 
 
Articoli
Salute · Citta` · pubblicato il 03 Agosto 2018

SANITÀ. CARNEVALI (PD): MINISTRA CHIARISCA SU MANCANZA 600 MLN PER LEA

SANITÀ. CARNEVALI (PD): MINISTRA CHIARISCA SU MANCANZA 600 MLN PER LEA (DIRE) Roma, 2 ago. - "Che si sia fatta prendere la mano durante l`audizione, andando a braccio, non c`e` dubbio, perche` se il ministro della Sanita` dichiara che mancano 600 milioni di euro per il finanziamento dei Lea, o si e` confusa oppure ha il dovere di non sparare cifre a caso ma di chiarire a quali capitoli di finanziamento si riferisce: se alle prestazioni, e quali, o piuttosto a quali protesi o ausili del nomenclatore tariffario. Pertanto, poiche` la cifra di cui parla la stessa ministra e` l`equivalente del totale del finanziamento per le prestazioni sanitarie e del nomenclatore, un`uscita cosi` dirompente non puo` passare certo inosservata". Lo afferma Elena CARNEVALI, della Presidenza del Gruppo Pd della Camera, che continua: "I Lea sono stati approvati con DPCM del 12 gennaio 2017 e pubblicati il 18 marzo 2017 in Gazzetta Ufficiale. La relazione tecnica del MEF, i pareri della commissione Bilancio e quello preventivo dell`Intesa Stato-Regioni hanno certificato che per il loro finanziamento sono stati previsti 800 milioni di euro, 200 milioni circa per il Piano nazionale prevenzione vaccinale e circa 600 milioni per il nomenclatore tariffario (protesi ed ausili) e per le prestazioni sanitarie e sociosanitarie. Una parte di quest`ultime risorse sono gia` state trasferite alle Regioni, come si evince dalle numerose interrogazioni parlamentari della scorsa legislatura. Inoltre, ci interessa capire come la commissione di revisione ed aggiornamento dei Lea abbia lavorato per l`individuazione di quelle prestazioni obsolete, o erogate in regime di ricovero, che dovevano essere trasferite in regime ambulatoriale, quindi con oneri a carico dei cittadini per circa 60 milioni di euro. Sarebbe piu` saggio mantenere un atteggiamento piu` prudente, per non creare il sospetto che si stiano mettendo le mani in avanti, consci del fatto che si potra` fare molto poco", conclude. (Com/Tar/ Dire) 13:49 02-08-18 NNNN

 

 

Leggi gli articoli
per categoria

Proposte programmatiche

Agricoltura

Ambiente

Cultura

Diritti

Donne

Economia

Enti locali

Europa e mondo

Famiglia e politiche sociali

Formazione politica

Giustizia

Immigrazione

Informazione

Infrastrutture e trasporti

Lavoro

Riforme e PA

Salute

Scuola

Sicurezza

Terzo Settore

Universita' e ricerca

Posizioni PD

via S. Lazzaro 41, Bergamo | tel. 035.248180 | segreteria@pdbergamo.it  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy  |  credit