Chiamaci

035 248180

Dal lunedì al venerdì

9:00-13:00
14:30-18:30

Iscriviti

Newsletter

News

L’assegno unico per i figli è legge

30/03/2021   diritti , famiglie

L’assegno unico e universale diventa legge con il via libera del Senato che ha approvato oggi in via definitiva il disegno di legge delega che lo istituisce e che riunifica e potenzia i sostegni nei confronti delle famiglie con figli a carico, con uno stanziamento aggiuntivo di 6 miliardi di euro annui. L’Italia recupera un ritardo storico e si avvicina alle migliori esperienze europee.


Si tratta di un provvedimento che fa parte del Family Act e consiste, a partire da luglio, in una quota media mensile di circa 250 euro che verrà data a ciascun figlio, dal settimo mese di gravidanza fino ai 21 anni di età (se studente o disoccupato).



“L’assegno unico universale, progetto di legge del PD, rappresenta un traguardo davvero epocale perché riconosce il valore sociale ed economico delle famiglie e l’urgenza di politiche di sostegno per la cura e la crescita dei figli, con l’obiettivo di sostenere la genitorialità e incentivare l’occupazione femminile – commenta la deputata e capogruppo dem in Commissione Affari sociali Elena Carnevali -. Nessuno dovrà rimetterci e molte famiglie prima escluse (lavoratori autonomi, liberi professionisti, disoccupati, incapienti) riceveranno l’assegno in modo progressivo e più equo.

Impariamo dai Paesi che dimostrano che investire qui è fattore di crescita occupazionale femminile e di contrasto alla denatalità”.


 “l’Italia finalmente risponde concretamente all’emergenza demografica, che nel 2020 si è tradotta in dati drammatici: nascite al minimo storico dal 1861 e 384 mila abitanti in meno” – aggiunge il senatore Antonio Misiani -. L’assegno unico è un tassello di una strategia più ampia, che passa necessariamente dal rafforzamento dei servizi per l’infanzia e delle politiche di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Ma è un tassello decisivo”.

Ora sta al governo scrivere le norme attuative. Il PD non farà mancare il suo contributo di proposta e iniziativa per rispettare l’impegno di rendere operativo l’assegno unico da luglio.


Tags:
Partito Democratico Bergamo
035 2488180
segreteria@pdbergamo.it