Chiamaci

035 248180

Dal lunedì al venerdì

9:00-13:00
14:30-18:30

Iscriviti

Newsletter

News

Awesome Image

Covid-19, a Bergamo decessi quadruplicati. L’appello a Regione e Governo

01/04/2020   coronavirus
Alla quinta settimana dall’esplosione dell’epidemia da Covid-19, i cittadini di Bergamo stanno vivendo una situazione ben più grave di quella che emerge dai mass media e dalle statistiche ufficiali. E’ questa la denuncia dei gruppi consiliari di maggioranza al Comune di Bergamo che, attraverso un documento firmato da Pd, Lista Gori, Patto per Bergamo e APF (qui il testo integrale) chiedono misure più incisive accanto a quelle già in essere, che si concentrino soprattutto sul potenziamento dell’assistenza a livello territoriale e su diagnosi e cure a domicilio non appena si manifestino i sintomi del Covid-19.


“I dati evidenziano un moltiplicatore pari a 4 per quanto riguarda i decessi (in rapporto allo stesso periodo dello scorso anno) mentre la valutazione più ottimistica prevede un moltiplicatore pari a 10 relativamente ai contagi da Coronavirus rispetto ai dati ufficiali diffusi. – si legge nel documento -. Dai dati in nostro possesso nelle RSA bergamasche, la situazione dei decessi è particolarmente grave con incrementi importanti rispetto alle annualità precedenti. Decessi che non rientrano nelle statistiche ufficiali così come le persone che vengono  a mancare nella propria abitazione”.


Per far fronte a questa drammatica situazione, occorre in primis “aumentare il numero dei tamponi in modo tale da sottoporre a controllo tutte le persone a rischio e non solo quelle che sono ospedalizzate, così come ha fatto la Regione Veneto, ed effettuare tamponi mirati ai lavoratori per garantirne la sicurezza sui luoghi di lavoro e contenere la diffusione del virus”.


I tamponi effettuati da Regione Lombardia sono ancora troppo pochi: circa 5.000 tamponi al giorno (27 marzo 8147, 28 marzo 6643, 29 marzo 4895, 30 marzo 3659, 31 marzo 3583, in decrescita) a fronte dei 20 mila che ne programma la Regione Veneto. Accanto all’aumento del numero dei tamponi e alla richiesta di strumentazioni di laboratorio per la ricerca di anticorpi nel sangue, i consiglieri di maggioranza chiedono a Regione Lombardia il potenziamento dell’assistenza territoriale, attraverso un maggiore investimento nelle Unità Speciali Continuità Assistenziale (USCA) – attualmente insufficienti – e ad un migliore coordinamento fra territorio e aziende ospedaliere, per anticipare l’inizio della terapia quando il paziente è ancora a domicilio. La scarsità di bombole di ossigeno e la difficoltà di distribuzione è un punto fondamentale da risolvere.



Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con ISS e Protezione Civile, è richiesta “un’attenzione mirata alla nostra città e alla nostra provincia. In particolare: misure economiche di sostegno per il nostro territorio, misure speciali e strumenti idonei per monitorare e testare il contagio ed un potenziamento del persona sanitario, non solo negli ospedali, ma sul territorio, da destinare anche ai soggetti con sintomi Covid-19″.



“E’ necessario far ripartire, appena possibile, una delle provincie più produttive, che ha dato tanto all’Italia e che vuole essere messa in condizione di tornare a contribuire alla crescita del nostro Paese – concludono -. Con l’Esercito lo Stato è entrato nella nostra città per portare via i morti, noi chiediamo a Stato e Regione un aiuto per salvare i vivi”.
Tags:
Partito Democratico Bergamo
035 2488180
segreteria@pdbergamo.it