22 Giugno 2018      pdlombardia.it      partitodemocratico.it  
 
 
Articoli
Salute · Italia · pubblicato il 21 Ottobre 2015

Carnevali (PD): Nuovo piano vaccinale: prevenzione, controllo e sensibilizzazione per non tornare indietro.

L’approvazione del Nuovo Piano Prevenzione Vaccinale, che ci auguriamo possa avvenire il prossimo 5 novembre, è fondamentale per consentire di ampliare l’offerta e poter mettere in campo una campagna di comunicazione nazionale capace di sconfiggere le falsificazioni sui vaccini, oltre che per far crescere la consapevolezza dei rischi per sé  e per gli altri nel caso di rifiuto.
Particolarmente importante è il ruolo dei medici e dei pediatri, che sono in stretto contatto con i pazienti che assistono e quindi i primi a poter sensibilizzare e informare in modo capillare, soprattutto grazie alla fiducia che gli assistiti ripongono in loro. Se è quindi vero che l`ordinamento vigente attribuisce ai soli ordini professionali il potere di disciplinare i medici, è importante che tra Governo e medici si stabilisca un`alleanza per mantenere e sollecitare gli interventi di prevenzione, tra cui le vaccinazioni.


Sull`eventuale divieto per i bambini non vaccinati di frequentare la scuola dell’obbligo, durante il question time di oggi alla Camera il ministro Lorenzin ha ricordato che la scuola dovrebbe comunicare entro 5 giorni alle Asl i nominativi dei bambini "inadempienti" (cosa che però raramente succede), e che spetta al Parlamento modificare l`attuale regolamento sulle vaccinazioni. Noi vogliamo sottolineare che il tema è sicuramente delicato, ma che non è un campo su cui si può fare marcia indietro. Purtroppo abbiamo  già assistito alla sospensione dell’OBBLIGO vaccinale, per alcune malattie, in alcune regioni tra cui il Veneto, senza troppi scalpori .

L’introduzione dei vaccini è l’intervento di sanità pubblica più importante per l’umanità. Oggi servono tutti gli sforzi persuasivi, di controllo e prevenzione per proteggerci contro le gravi malattie infettive sia quelle che avevamo debellato sia quelle che dobbiamo fortemente contenere.

 

On Elena Carnevali


Di seguito il question time proposto dall`onorevole Carnevali


Al Ministro della salute. — Per sapere – premesso che:    il Ministero della salute ha pubblicato le coperture vaccinali a 24 mesi d`età relative all`anno 2014 (coorte di nascita 2012). Le coperture nazionali contro la poliomielite, il tetano, la difterite, l`epatite B e la pertosse, che nel 2013 – sottolinea l`Istituto superiore di sanità – erano di poco superiori al 95 per cento (valore minimo previsto dall`obiettivo del piano nazionale prevenzione vaccinale 2012-2014), nel 2014 sono scese al di sotto di tale soglia;    la copertura per Haemophilus influenzae b (Hib), che nel 2013 era pari al 94,5 per cento, è rimasta sostanzialmente invariata mentre la copertura vaccinale per morbillo, parotite e rosolia è diminuita di quasi 4 punti percentuali rispetto ai dati aggiornati del 2013 (dal 90,3 per cento all`86,6 per cento);    un`analisi retrospettiva delle coperture nazionali dal 2000 al 2014 evidenzia la presenza di due fasi temporali:     a) il periodo 2000-2012, con coperture sostanzialmente stabili ad eccezione di quelle per l`Hib e il morbillo, per le quali si registra un incremento fino al 2007;     b) il periodo 2012-2014, in cui si evidenzia un decremento di tutte le coperture vaccinali, ma più accentuato per morbillo, parotite e rosolia;    l`analisi per regione – prosegue l`Istituto superiore di sanità – non evidenzia sostanziali differenze nella direzione del trend in tutte e due le fasi temporali e per tutte le vaccinazioni. Tuttavia, l`entità del decremento relativo nel periodo 2012-2014 appare maggiore nelle Marche, in Abruzzo e in Valle d`Aosta e, nel caso del morbillo, anche in Puglia;    i dati del 2014 confermano che il calo registrato a partire dal 2012 non è una flessione temporanea, ma una tendenza che sembra consolidarsi di anno in anno. Sebbene il decremento sia limitato, la riduzione delle coperture vaccinali a 24 mesi che si è registrata in questi ultimi 2 anni per poliomielite, epatite B, difterite e pertosse può portare alla creazione di sacche di persone suscettibili, con conseguenze gravi a causa della perdita dei vantaggi della`immunità di gregge. Anche per malattie attualmente non presenti in Italia, come poliomielite e difterite, c’è sempre il rischio di casi sporadici;    grazie alle vaccinazioni, malattie gravi che in passato hanno causato milioni di decessi e di casi di disabilità sono diventate rare. Molti genitori di oggi sono cresciuti senza avere alcuna cognizione dei rischi causati dalle malattie prevenibili con le vaccinazioni e dei benefici che derivano dall`immunizzazione per l`individuo e per la comunità: le precedenti generazioni ben comprendevano, invece, il valore dei vaccini, perché avevano avuto un`esperienza diretta o indiretta dei danni causati da queste malattie;    il morbillo rimane una malattia molto frequente anche nel nostro Paese. In Italia dall`inizio del 2013 sono stati segnalati 4.094 casi di morbillo, di cui 2.258 nel 2013, 1.696 nel 2014 e 140 nei primi sette mesi del 2015. Di questi ultimi, il 79,7 non era stato vaccinato e il 17,3 per cento aveva effettuato una sola dose di vaccino. Il 17,1 per cento dei casi era di età inferiore ai 5 anni, fascia in cui è stata osservata l`incidenza più elevata (0,88 casi per 100.000). Circa il 30 per cento dei casi segnalati di morbillo è stato ricoverato in ospedale e un quarto dei casi ha avuto almeno una complicanza. Le coperture vaccinali a 24 mesi nel nostro Paese sono chiaramente insufficienti ad arginare la circolazione del morbillo e, anche se in alcune regioni si registra un incremento della proporzione di vaccinati ad età successive, la quota di bambini rimasti suscettibili al morbillo per un tempo inutilmente lungo continua a sostenere l`endemia;    è stato presentato in questi giorni ed è al vaglio della Conferenza Stato-regioni il nuovo piano nazionale vaccini 2016/2018;    organi di stampa riportano la notizia che da ora in poi vi sarebbe l`obbligo di essere vaccinanti per poter essere iscritti a scuola –:    quali misure urgenti e concrete il Ministro interrogato intenda adottare per far sì che si torni ad avere una copertura vaccinale atta a garantire e a tutelare tutta la popolazione da malattie ormai debellate e se non ritenga necessario predisporre urgentemente campagne informative volte a fare chiarezza sulla necessità e sull`efficacia dei vaccini, nonché se risponda al vero che si possono prevedere sanzioni per quegli operatori sanitari che siano contrari alla somministrazione dei vaccini o che vi sia la possibilità per i bambini non vaccinati di non poter frequentare la scuola. (3-01782) (20 ottobre 2015)



 

 

Leggi gli articoli
per categoria

Proposte programmatiche

Agricoltura

Ambiente

Cultura

Diritti

Donne

Economia

Enti locali

Europa e mondo

Famiglia e politiche sociali

Formazione politica

Giustizia

Immigrazione

Informazione

Infrastrutture e trasporti

Lavoro

Riforme e PA

Salute

Scuola

Sicurezza

Terzo Settore

Universita' e ricerca

Posizioni PD

via S. Lazzaro 41, Bergamo | tel. 035.248180 | fax 035.248765 | segreteria@pdbergamo.it  |  credits